Pianeta CNR · Dalla sostituzione alla rigenerazione

(cod. A284)

A cura dell’Istituto per i Polimeri, Compositi e Biomateriali  CNR-IPCB

Cambiamento inteso come rigenerazione: in questo caso, l’obiettivo è mostrare l’evoluzione della medicina, dal tradizionale approccio “sostitutivo” mediante l’utilizzo di protesi (ad esempio, d’anca, di disco intervertebrale e protesi maxillofacciali) a quello “rigenerativo” mediante l’utilizzo di impalcature biodegradabili (comunemente detti scaffold) capaci di degradare ed indurre allo stesso tempo la riparazione/rigenerazione di nuovo tessuto (ad esempio, di tessuti soffici e duri mineralizzati, ossa e denti, di disco intervertebrale, di menisco). Per la rigenerazione del tessuto osseo, Ugo d’Amora porta esempi innovativi sono gli scaffold multifunzionali a base di componenti organo-inorganiche, ottenuti combinando la tecnologia sol-gel con la stampa 3D per la realizzazione di strutture personalizzate. Essi hanno dimostrato di essere in grado di indurre la formazione ossea grazie alla componente inorganica che agisce come segnale bioattivo per le cellule. Inoltre tali scaffold potrebbero anche agire come carrier di farmaci anti-infiammatori.

25/11/@9:15
09:15 — 10:30 (1h 15′)

Da remoto

Per le Scuole

POSTI ESAURITI